Notriv Tour Sannio “PaesePePaese”

Continua il NOTRIV SANNIO TOUR…  “PAESEPEPAESE”… Venerdi 10 ottobre dalle 19.00 saremo a Sant’Arcangelo Trimonte, il paese devastato dalla megadiscarica costruita su una frana, per incontrare il Forum Giovani e i/le Sant’arcangiolesi/e.

Informazione, proiezione del docufilm “Mal d’Agri” e dibattito finale.Il petrolio nel Sannio - Copia

Chi volesse partecipare anche dai paesi limitrofi è ben accetto. Oppure, per organizzare incontri simili in altri paesi, basta contattarci. NOTRIV FINO ALLA VITTORIA

Forum Ambientale dell’Appennino

Giù le mani dalla terra, dall’aria, dall’acqua! E’ arrivato il momento di contarci e vedere chi vuole trasformare le proposte in azioni concrete (…).
Domenica 28 settembre a partire dalle ore 16.00 a Caposele (AV), Sala Polifunzionale, il Forum verificherà la possibilità di costituirsi come Centro Studi, Documentazione e Ricerca e una rete di cittadini attivi in cui le istanze possano trovare conforto e verifica attraverso un lavoro di analisi, confronto, proposta e divulgazione e in cui sviluppare concrete proposte alternative di tutela ambientale e modelli economici e sociali ecosostenibili.
Aderisci ai gruppi di lavoro, segnala una criticità, presenta una proposta tramite www.forumambientale.org/gruppidilavoro e ci vediamo il 28 settembre a Caposele!
Per maggiori dettagli leggi qui .

forum

Affari privati, pubbliche virtù

Lobby energetiche, affari e favoritismi

di Donato Cancellara, Associazione Intecomunale Lucana

Se senti parlare di una lobby energetica, prima o poi, ci sarà chi riconoscerà ai suoi affari privati la pubblica utilità, l’indifferibilità e l’urgenza. Ormai le lobbies energetiche, sia che trattasi di petrolio sia che trattasi di rinnovabili o pseudo tali, assomigliano anche, e soprattutto, nella strategia di fare affari e nei favoritismi che spesso ricevono da coloro i quali amano essere accondiscendenti con le solite S.p.A. che millantano occupazione, innovazione e progresso. Ormai anche le leggi, o meglio gli atti aventi forza di legge, che disciplinano il procedimento amministrativo riconducibile ad una lobby, sembrano scritte, per alcuni aspetti, tramite copia-incolla.“…

leggi tutto l’articolo nel sito basilicata24.it

Decreto “Buca Italia”: Napul tre cos tene bell, o sole, a pizz e a trivell

Il diritto alla tarantella è stato invece avocato ex imperio a sé medesimo dal presidente del Consiglio, capo scout e pure gran mogol delle giovani marmotte Matteo Renzi, che si sta impegnando al massimo per dimostrare che anche un toscano può cavarsela egregiamente, se si tratta di arrangiare tarantelle.

Come il decreto cosiddetto ‘Sblocca Italia’, che qui potrete apprezzare in tutta la sua lucida follia, la cui pubblicazione è un via libera di fatto alle mire speculative delle multinazionali petrolifere, pronte a bucherellare tutto il bucherellabile per estrarne ingenti profitti, senza la minima cura della devastazione ambientale e sociale che ne deriverà. L’art. 3 bis, ad esempio, definisce la procedura per titoli minerari e procedimenti di conferimento ricadenti nelle aree di cui all’articolo 4, comma 1: golfo di Napoli, appunto, ma anche golfi di Venezia e Salerno, nonché isole Egadi. Davvero una bella pensata. Per un’analisi dettagliata dei principali punti del decreto in tema di idrocarburi, qui trovate un articolo di E. Di Salvatore, docente di diritto costituzionale presso l’università di Teramo.

Per quanto ci riguarda più da vicino, da notare il termine fissato a fine anno per il pronunciamento delle regioni in merito alla valutazione di impatto ambientale. Dopodiché, deciderà il governo nazionale.

Continua a leggere